Così curve e contrappesi turbano il disegno sovranista

di Gianfranco Pasquino