A Portomaggiore ammessi al Nido tutti i bimbi residenti

PORTOMAGGIORE. È stata approvata nei giorni scorsi la graduatoria per accedere al Nido d’infanzia comunale “L’Olmo”, la quale ha visto l’ammissione di tutti i bambini residenti che hanno presentato...

PORTOMAGGIORE. È stata approvata nei giorni scorsi la graduatoria per accedere al Nido d’infanzia comunale “L’Olmo”, la quale ha visto l’ammissione di tutti i bambini residenti che hanno presentato domanda fino allo scorso 31 maggio.

Considerato il numero di nuove domande pervenute, l’analisi delle fasce di età dei bambini e la necessità di non avere posti vuoti all’interno della struttura funzionante, l’amministrazione evidenzia come siano «stati ammessi 19 nuovi iscritti, soddisfando così tutte le domande dei cittadini residenti sul territorio comunale».

Rispetto all’anno educativo precedente è stato aumentato il numero complessivo dei bambini accolti nella struttura, che da 26 passa a 28. Questo tipo di organizzazione consente l’ingresso a tutti i cittadini residenti che hanno presentato domanda e dà risposta a tutte le fasce di età, privilegiando come sempre l’accoglimento di bambini della fascia 3/12, tenuto conto che il Nido “L’Olmo” è l’unica struttura autorizzata ad accogliere bambini di tale fascia presente sul territorio comunale.

Le tariffe applicate per il prossimo anno rimarranno invariate, sono invariate dall’anno scolastico 2013/2014 ma a partire da settembre 2018 cambieranno modalità di pagamento. Passando ad un sistema di prepagato, in linea con la scelta fatta per tutti i servizi educativi erogati dal comune, refezione e trasporto scolastico.

L'assessore all’istruzione Giuseppe Alesci sottolinea che la scelta dell’amministrazione «fa parte del pacchetto delle azioni intraprese per il potenziamento dell'offerta all'infanzia e viene incontro alle esigenze delle famiglie che per motivi di lavoro hanno sempre più difficoltà a trovare spazi e assistenza adeguata per i loro figli».